sabato 27 aprile 2019

Mazzate e sorrisi

Io ci sto provando ad affrontare tutta questa storia con il sorriso, davvero. Ma sembra che ogni volta che arrivo, faticosamente, a raggiungere un risultato positivo, sia pronta una nuova mazzata.


Dopo la frattura a sorpresa che mi ha fatto vincere otto settimane a letto, mi ero quasi messa il cuore in pace. Va bene: dobbiamo rivedere il programma di fisioterapia e posticipare gli esercizi da fare in piedi. Pazienza, faremo quello che si può.
Almeno sono vicino a casa e in un ottimo reparto. Ieri mi hanno addirittura fatto la doccia in barella, una goduria che solo chi ha passato più di due mesi senza una doccia può capire.
E LadyTrump va a casa in permesso ogni giorno festivo, così qualche volta riesco anche a dormire come si deve.

Ma scherziamo? Quando mai ne va dritta una?
Mi hanno detto che non posso restare qui.
Questo reparto è riservato alla fisioterapia intensiva e fino a quando non potrò di nuovo caricare sulla gamba, la mia ULSS mette a disposizione solo l'ospedale di Jesolo.
Fronte mare, stesso primario, stessa organizzazione... a quasi un'ora di strada da qui. Strada per niente bella, tra l'altro, e che con l'avvio della stagione estiva diventerà un incubo. Impossibile che Renato venga ogni giorno a trovarmi come fa ora. Sarebbe come finire in isolamento.
Possibili alternative: organizzarsi a casa, ma la gestione di una persona allettata non è propriamente semplice, oppure una residenza assistita, cioè una casa di riposo, dove comunque l'assistenza medica non è certo al livello di quella ospedaliera. Per non parlare della retta, a carico dell'ospite.

E già, perché a me l'assistenza medica serve. Sto ancora combattendo con la gastrite. Per ora, vince lei.
Nausea, conati di vomito come se piovesse, digestione lunghissima e fastidiosa, un costante pantegana party in bocca. 'Na meraviglia proprio.


Noi ci proviamo a prenderla bene.
Oggi Renato era particolarmente in forma, o forse ha visto che io stavo cedendo e ha tirato fuori tutto quello che aveva per farmi sorridere.
Mi ha fatto sbellicare dalle risate proponendo per la mia futura sedia a rotelle (sì, quella la vinco di sicuro) lampeggianti luminosi e copriruota decorati con l'immagine di una fetta di mortadella gigante.
Solo che le risate mi fanno ripartire i conati di vomito, allora Renato ha simulato di posizionarsi con una bacinella in fondo al letto, per raccogliere ipotetici getti degni dell'Esorcista. E giù a ridere ancora.

Poi però ho dovuto chiedere lo Zofran perché i conati erano davvero pesanti, e non c'era più niente da ridere.
Perché nelle ultime due settimane lo stomaco mi ha concesso solo due giorni di tregua e sono pochi. Pochi per ricaricare le batterie, pochi per fare il pieno di sorrisi e prepararsi alle prossime mazzate.

7 commenti:

  1. Secondo me nonostante la scomodità l'opzione Jesolo è la migliore, l'assistenza medica è fondamentale e andando in una Rsa si rischia di ritrovarsi al pronto soccorso in caso di problemi o di trascorrere tempo inutile in attesa di un medico generico. Serve proprio un gran pieno di ottimismo, energia e pazienza cara Mia, come se non avessi già consumato abbastanza scorte di tutto ciò. L'amore in compenso non ti manca e non è poco. Forza, siete una grande coppia, arriverà il sole, deve arrivare. Gio.

    RispondiElimina
  2. Ciao Bella Mia, concordo con quanto scritto sopra e quoto Jesolo. E'vero che è più distante ma tu sarai meglio assistita,anche se Renato non dovesse venire sempre sempre. Poi chiaramente andando avanti vedrete se è possibile organizzarsi in casa, in base al tuo bisogno d'assistenza.Un abbraccio stritoloso (delicato) da una sconosciuta che ti legge sempre e che ti stima tanto tanto tanto !

    RispondiElimina
  3. Anche se scomodo, secondo me meglio Jesolo. Sarai assistita meglio! Non è mica per sempre e ti auguro di essere già più vicina a casa quando comincerà il grosso traffico da vacanze. È vero che Renato non potrà venire a trovarti tutti i giorni, ma farà di tutto per essere presente. Capisco il tuo stato d’animo, la situazione è quella che è e un’altra notizia negativa non aiuta poco, ma tu sei ironica e tosta e passato il momento di sconforto saprai trovare le risorse interiori per tornare a galla. Ti penso e ti auguro il meglio!
    Ester

    RispondiElimina
  4. Jesolo si, anche se senza Renato tutti i giorni, perché l'assistenza sarà quella giusta e il primario e sempre lo stesso (quindi, per intenderci, non dovrebbe piu' succedere che qualcuno si "dimentichi" di comunicare a chi di dovere una frattura o altra menata!#@%!)
    ... pero' che due...
    Coraggio Mia, ti mando tanta forza
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "il primario sempre lo stesso" senza "e" che quell'"e" senza accento abbandonato li in mezzo mi fa sembrare semi-analfabeta, porca paletta

      Elimina
  5. Ti prego fatti viva anche solo con due parole.

    RispondiElimina
  6. Sì, se puoi, grazie :-) Gio

    RispondiElimina