venerdì 19 ottobre 2012

Bollente ménage à trois

Stasera ho approfittato del fatto che Renato era fuori per dedicarmi a qualcosa che non facevo da troppo tempo.
Avevo qualche dubbio, perché oggi la schiena mi aveva dato fastidio, quindi non sapevo se ci sarei riuscita né per quanto tempo. Ma dicono che quello che conta è la qualità, non la quantità o la durata, e che sia come andare in bicicletta: una volta che hai imparato come si fa, non lo dimentichi più.

Un po' mi dispiaceva che non ci fosse Renato, so che avrebbe partecipato, se glielo avessi chiesto; però in una coppia non va bene fare sempre tutto insieme, ogni tanto è giusto prendersi il proprio spazio individuale.
Così, appena lui è uscito, mi sono organizzata per un ménage a trois davvero bollente: io, il ferro e l'asse da stiro abbiamo passato insieme due ore indimenticabili.
Non ho voluto escludere completamente Renato da questa avventura: alla fine ho lasciato qualche tovagliolo e canovaccio anche per lui.
E adesso mi concedo un momento di pura libidine...

11 commenti:

  1. Sei veramente una viziosa, vergogna! Si comincia così e si finisce con il rammendare i calzini mangiando tramezzini nutella-kiwi e banana!! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Romina, che io finisca così è escluso, categoricamente. Impossibile.
      Non mi piacciono i kiwi...

      Elimina
  2. Non è che tuo marito magari ha sentito nell'aria le tue intenzioni e più che uscire è scappato a gambe levate????Buon week-end

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naaaa, sa benissimo che sarebbe inutile: le cose che spettano a lui rimangono lì fino a che non le stira.

      Elimina
  3. E che libidine mia cara!!
    Meritatissima dopo due ore di stiro e col mal di schiena.
    4p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero indecisa tra quello e la Nutella, ma per la Nutella ci sarebbe voluta una bella fetta di pane e non avevo voglia di sprofondare nel freezer per cercarla.
      La tua approvazione mi giunge molto gradita, aiuta a superare i sensi di colpa!

      Elimina
  4. Mi fai sempre sorridere! :-)

    RispondiElimina
  5. Mi ha fatto male questo post. Ma tanto. Perchè? Mi è scattata l'emulazione (solo per l'ultima parte ovviamente). Ho fagocitato nutella a cucchiaiate e gelato al caffè a mestolate (si dice? boh!)

    Lina

    RispondiElimina
  6. Ma almeno prima hai stirato?
    È un'attività fastidiosa, ma aiuta molto a sopire i sensi di colpa...

    RispondiElimina
  7. io stiro spesso all'alba, in cucina, magari con il pranzo avviato, che per quanto invitante possa essere, alle sei del mattino non è nulla di augurabile.....
    La libidine ci sta, eccome....stirare avvilisce fisico e mente: non vedo nulla di meglio per riprendersi....rita

    RispondiElimina