venerdì 8 settembre 2017

Diario felino - 6

Caro diario,
Mercoledì è stata una brutta giornata. Il mercoledì è sempre una brutta giornata perché lei è fuori dalla mattina alla sera, ma questo mercoledì è stato proprio bruttobruttobrutto, bruttissimo.

Al mattino gli umani sono usciti. Prima lui, che inizia a lavorare presto e se non si alza appena suona la sveglia ci pensiamo io e Aki a tirarlo giù dal letto, anche nei giorni di festa, quando la sveglia non suona, perché non si sa mai. Lei si alza circa un'ora dopo, e mercoledì è andata via in gran fretta, senza nemmeno fare colazione, perché mentre era in bagno a lavarsi sono arrivati un sacco di allarmi sul telefono, a indicare c'era un problema al lavoro da risolvere urgentemente.
Io sono rimasto a gironzolare per casa, triste, solo e abbandonato (mio fratello non conta, tanto è sempre fuori a caccia e poi non vuole che io giochi con le sue prede, ma io ci gioco lo stesso).

Poco dopo mezzogiorno e mezzo c'è stata una sorpresa: lei è tornata! Zoppicava tanto, la gamba le faceva male e ho pensato che fosse venuta a casa per stendersi sul divano, invece ha solo posato il computer aziendale e preso il suo ed è tornata fuori. Non ho nemmeno fatto in tempo a intrufolarmi dentro la sua macchina per cercare di accompagnarla.
Sono rimasto di nuovo triste, solo e abbandonato vicino al cancello, ed ero così triste che non mi sono accorto che si stava chiudendo e mi ha schiacciato la coda.
Mi ha fatto malissimo! E non riuscivo a liberarmi!

Sono rimasto lì una mezz'ora a lamentarmi, prima che i ragazzi della casa accanto, quelli che hanno due cani e un gatto, si accorgessero di me. Hanno cercato di liberarmi, ma il cancello era bloccato e, vedendo che ansimavo, mi hanno dato una ciotola d'acqua.
Volevano telefonarle, ma non avevano il numero, allora hanno chiamato un'altra vicina, quella con i due cani grigi che mi abbaiano sempre, che l'ha avvertita.
Lei ormai era a 50 chilometri di distanza. Angosciata, ha chiamato un'amica che ha le chiavi di casa chiedendole di venire a liberarmi e ha telefonato a lui, che lavora in un posto meno lontano, perché corresse subito a casa. Lui ha preso tanta paura quando dall'ufficio gli hanno detto che c'era lei al telefono, temeva che le fosse successo qualcosa, invece ero io la vittima, che mi pare almeno altrettanto grave, se non di più.
Per fortuna il lavoro di squadra ha funzionato: dopo l'intervento dei vicini sono stato liberato abbastanza in fretta e sono corso a rintanarmi in casa, spaventato e dolorante. È bello avere vicini di casa così gentili e amanti degli animali; nelle ore successive hanno chiesto come stavo e qualcuno addirittura è passato a trovarmi.
Poco dopo è arrivato lui e poi anche lei e mi hanno sommerso di coccole, che ho ricambiato con entusiasmo, rassicurandoli un poco sul mio stato di salute... ma non a sufficienza, visto che mi hanno comunque portato dal veterinario, perché non riuscivo a muovere bene la coda né a sollevarla.
La dottoressa è stata abbastanza brava, mi ha fatto un po' male, ma non troppo, per controllare se c'era sensibilità nella coda e ha prescritto delle pastiglie di antidolorifico che sono buonissime. Mercoledì mi hanno dato la prima, mescolata con l'arrosto di tacchino; quando hanno visto che ho mangiato anche il pezzetto che era scivolato fuori dall'arrosto, giovedì hanno provato a darmene un quarto senza carne: non solo l'ho mangiata, ma ho chiesto se ce n'era ancora!

Adesso sto molto meglio: la coda si alza fino in verticale, anche se la punta si muove ancora poco, mangio con appetito e mi comporto come al solito. Ieri sono riuscito anche a restare chiuso per una decina di minuti nel vano delle scope, in cui mi ero intrufolato clandestinamente quando lei l'aveva aperto per prendere il panno per pulire il parquet. Per segnalare la mia presenza ho rovesciato tutte le bombolette spray che sono riuscito a trovare, così lei mi ha sentito ed è venuta a liberarmi.
Sembra che gli umani siano più tranquilli, però vogliono riportarmi dal veterinario lunedì per un controllo... se riescono a prendermi!

Stamattina ero tutto felice perché nessuno dei due era uscito per andare al lavoro, mi pregustavo già una giornata di felicità domestica, invece in tarda mattinata se ne sono andati tutti e due insieme: lei doveva fare la TAC.
Un sospetto l'avevo avuto stanotte, perché alle tre e mezza era ancora sveglia a graticolarsi sul letto, cosa del tutto insolita per una dormigliona come lei, ma ieri aveva preso un bel po' di cortisone per evitare la reazione allergica al mezzo di contrasto e qualche volta le provoca insonnia. Comunque ha funzionato perché oggi non ha avuto segni di allergia. In compenso, ha tanto sonno.
Per l'esito dovrà aspettare fino al 21.

                           Gandalf

2 commenti:

  1. Mia immagino il vostro sgomento. Per il resto... aspettiamo il 21 incriciando di tutto

    RispondiElimina
  2. Tutto bene quel che finisce bene...vero Gandalf? Per la tua mamma aspettiamo il 21 xxx. Isabella.

    RispondiElimina