martedì 11 dicembre 2012

Conto alla rovescia

Mancano solo dieci giorni.
Li spunto dal calendario, in un'attesa quasi spasmodica che mi ricorda l'apertura delle finestrelle del Calendario dell'Avvento di quando ero bambina.
Il 21 dicembre si avvicina, inesorabile...

La profezia dei Maya?
Sciocchezze!
Il loro calendario finisce; e allora?
Il mio finisce tutti gli anni e non è una catastrofe: ne inizia semplicemente un altro.
E poi, a ben guardare, la stessa civiltà Maya è finita millecinquecento anni prima del loro calendario, quindi come profeti non valevano poi molto...

L'allineamento dei pianeti?
È una bufala: per quella data non sono previsti allineamenti e in ogni caso non sarebbe così straordinario: negli ultimi dieci anni si sono già verificate due grandi congiunzioni.

L'inversione dei poli magnetici?
Anche questa ipotesi non è supportata da evidenze scientifiche e comunque non sarebbe una situazione nuova: è già successo più volte durante la vita del nostro pianeta.

La tempesta solare?
Questa potrebbe costituire un problema, nel nostro mondo basato sull'elettricità. Però il picco è previsto tra qualche mese, nel 2013.

L'arrivo di un meteorite?
Sveglia, gente! Mancano dieci giorni: se ci fosse un meteorite in arrivo ormai l'avrebbero visto anche i bambini che giocano con il telescopio.

L'avvento dell'era dell'Acquario?
(ops, non intendevo questo...)

Bah! Anche qui nessun fondamento scientifico: dal punto di vista astronomico, mancano ancora 600 anni. E a quel punto sarei proprio curiosa di vedere come se la caveranno gli astrologi, dal momento che il fenomeno della precessione degli equinozi sposta progressivamente gli allineamenti tra i corpi celesti, per cui già oggi non c'è più corrispondenza tra il segno zodiacale del proprio giorno di nascita con l'allineamento del sole alla relativa costellazione.
I segni zodiacali comunque sono solo una convenzione. Seriamente: se a qualcuno di voi guardando questa costellazione viene in mente un acquario, vi consiglio di smettere subito di bere e sospendere immediatamente l'assunzione di stupefacenti.

La fine del mondo?
Ma chissenefrega!
Il vantaggio di non credere alle previsioni catastrofiche sulla prossima fine del mondo, è che posso pigliare per i fondelli in assoluta sicurezza tutti quei gonzi che invece ci credono. Nella peggiore delle ipotesi, se loro dovessero avere ragione e io torto, nessuno di noi sarà qui a discuterne.

No, niente di tutto questo.
Il mio conto alla rovescia è legato ad un evento astronomico, ma non straordinario né tantomeno catastrofico: aspetto semplicemente il solstizio d'inverno.

Non cercate in questa mia attesa simbolismi religiosi né riti pagani o profondi significati spirituali, si tratta di un aspetto puramente pratico, che è forse la più evidente manifestazione della mia dualità.
Sono un animale notturno, l'ho sempre detto (e anche scritto).
Contemporaneamente, però, amo la luce, la adoro, non ne ho mai abbastanza.
A casa mia non ci sono tende per non lasciare fuori nemmeno un raggio di sole. Ogni lampadina ha la massima potenza che il portalampade può sopportare. La luce non mi disturba nemmeno durante il sonno: davanti alla finestra della mia camera c'è un lampione, ma solo un forte maltempo o il gelo polare possono spingermi a chiudere i balconi durante la notte.
Durante i viaggi estivi nel nord Europa ho apprezzato enormemente le tante ore di sole, anche gli estremi di Capo Nord, quando il sole tramontava alle 23 per risorgere alle 2 e si passava dal crepuscolo all'aurora senza mai toccare l'oscurità.
Mi pesano le giornate autunnali sempre più brevi, il tè del pomeriggio consumato dopo il tramonto, il buio al risveglio mattutino.
Ma dopo il 21 dicembre, finalmente le giornate ricominceranno ad allungarsi ed ognuna ci regalerà qualche minuto di luce in più della precedente. Dopo il solstizio, ogni giorno diventa una promessa.

11 commenti:

  1. il mondo non finisce, solamente i Maya a suo tempo finirono le petre sulle quali incidevano i giorni del calendario....tutto lì

    RispondiElimina
  2. Forse nemmeno quello: credo semplicemente che ritenessero eccessivo "portarsi avanti" di millecinquecento anni con la stampa dei calendari.
    Ma te lo immagini Frate Indovino che propone oggi il calendario del 3625?

    RispondiElimina
  3. Bella.......Frate indovino:-))))))))))

    RispondiElimina
  4. Epperò ti ringrazio, ho imparato parecchie cosette con questo post.
    L'hai presa alla lontana, per giungere a quello che desideri avvenga inpresciainprscia (boh??)come sempre formidabile e concentrata sull'obiettivo.
    Ciao 4p

    RispondiElimina
  5. oh porca miseria.....hai smontato pezzetto per pezzetto tutte le mie convinzioni sulla fine del mondo....ora cercherai anche di farmi credere che non esiste Babbo Natale!!
    E io invece so che c'e' perche' mi ha gia' fatto una bellissima e graditissima sorpresa......!
    Grazie Mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stai dicendo che mi è cresciuta la barba?!? ;oP

      Elimina
  6. Bene, bene ci siamo ancora tutti e allora Mia ti auguro un buon natale, ma ancor di più un serenissimo nuovo anno.
    4p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, ricambio il tuo augurio di vero cuore.

      Elimina
  7. Mia, mi permetti, vero, di fare tanti auguri a 4p di buone feste? Auguri, dunque, di buon natale e di un sereno anno nuovo.
    (Grazie Mia....)
    rita

    RispondiElimina
  8. Mia, permetti anche a me di inviare un augurio a Rita?? Grazie.
    Rita grazzissimi per gli auguri, invio anche a te un pensiero di buon natale e un serenissimo anno nuovo.
    A rigrazie Mia. Baciotto al micio e auguri a Renato.
    4p

    RispondiElimina
  9. @Rita e 4P: prego, prego, fate pure come se non ci fossi... ;o)

    RispondiElimina