mercoledì 12 ottobre 2011

Curiosa

Domani ho la visita di revisione dell'invalidità civile, dello stato di handicap (legge 104) e del collocamento al lavoro (legge 68/99), la prima dopo l'introduzione delle nuove procedure.
Dato che il risultato, qualunque sia, dal punto di vista pratico mi cambia poco o nulla, sono solo curiosa.

Curiosa di vedere quale percentuale di invalidità mi assegneranno. Fino ad oggi è stata il 100%: forse la riducono, dato che dopo l'ultimo intervento non ci sono state recidive, ma forse no, perché la prognosi per il tipo di tumore che ho avuto è statisticamente negativa.

Curiosa di vedere quanto tempo ci metteranno a mandarmi l'esito, viste le passate esperienze e le odissee di altre amiche cancer-bloggers.

Curiosa di vedere se questa volta mi mandano il verbale all'indirizzo giusto.

6 commenti:

  1. in bocca al lupo, io li odio lo sai.
    e non andarci da sola!!

    RispondiElimina
  2. in bocca al lupo anche da me. A me hanno ridotto la percentuale da 100 a 75 dopo tre anni mi pare...poi mi sono trasferita in Lazio e si sono dimenticati della mia esistenza...ma tatno come dici anche tu, a me non cambia niente visto che la 104 me l'hanno tolta quasi subito.
    un abbraccio
    Vale

    RispondiElimina
  3. E' una pena e una vergogna....perchè non basta quello che già Vi è capitato, si deve sbattere anche contro le istituzioni e la burocrazia....
    In bocca al lupo anche da me....e se è il caso, alza anche un po la voce: non risolve ma serve a sfogare! Rita

    RispondiElimina
  4. @Wide: io ci vado sempre da sola, ma fortunatamente non sono mai stata trattata male come è capitato a te, anzi devo dire che nella commissione finora ho trovato ragionevoli dosi di umana comprensione e solidarietà... e spero che queste non siano le ultime parole famose!!!

    @piccola Vale: il fatto è che a me non cambia niente nemmeno se mi confermano o mi tolgono la 104, perché in quanto libero professionista, la 104 non mi dà NIENTE. Non ho diritto a permessi retribuiti né riduzione di orario e nemmeno il mio compagno può usufruire dei permessi, perché non siamo sposati. Quindi averla o no non mi fa nessuna differenza.

    @Rita: grazie per la solidarietà, ma come ho scritto a Vale, il risultato dell'accertamento ai fini pratici per me è ininfluente, quindi non vale la pena di rovinarcisi il fegato. Certo che se me lo spediscono di nuovo all'indirizzo sbagliato questa volta pianto un casino galattico!

    RispondiElimina
  5. curiosa pure io, curiosissima

    RispondiElimina
  6. Cara Mia, certo che mi hai citata come esempio, il mio è un caso che va in un'escalation progressiva di assurdità...

    1a visita = ricevo il verbale dopo 5 mesi e mezzo, direi ok...

    1° rinnovo = il verbale è sbagliato clamorosamente e riesco ad avere il tutto dopo un anno esatto.

    2° rinnovo = è già passato un anno, non ho idea a che punto sia il verbale, mentre l'Inps andava vantando il fatto che adesso ogni cittadino sarebbe stato al corrente di tutti i passaggi della propria pratica...ma dove?? Ormai sono quasi tra il demoralizzato e l'indifferente!

    Sono certa che tu sarai più fortunata, anche solo per il fatto che sei al Nord e davvero lì le cose vanno meglio...

    RispondiElimina