martedì 30 giugno 2015

Habemus datam! (et cercamus autistam)

Finalmente è stata fissata la gastroscopia.
Il mio oncologo voleva affidarmi a una dottoressa in particolare, che però nelle ultime due settimane era in ferie. Ieri è rientrata e mi ha dato appuntamento per lunedì prossimo, 6 luglio, alle 11:30.

Adesso però mi serve un autista perché quel giorno Renato non può assentarsi dal lavoro per accompagnarmi.
Per la verità basta anche solo mezzo autista, cioè qualcuno che guidi la mia macchina al ritorno da Aviano: all'andata posso guidare io, ma la leggera sedazione che viene fatta per la gastroscopia non consente di guidare nelle ore immediatamente successive.
Questo andrebbe benissimo, ma per un'occasione come questa è sprecato: con uno così come autista vale la pena di essere ben sveglia!


Si accettano altri candidati!


PS: lo so che "cercamus autistam" non è latino, ma quaerimus vectorem sarebbe stato poco intuitivo


lunedì 22 giugno 2015

Sul giornale!

Nel numero di Starbene in edicola martedì 16 giugno c'è un articolo sulle cancer-bloggers, con interviste a Rosie, Annamaria e... alla sottoscritta!



PS: per il resto non ho aggiornamenti. Il mio oncologo vuole farmi fare la gastroscopia da una dottoressa che la scorsa settimana era assente, spero che oggi riesca a fissarmi l'appuntamento.

giovedì 18 giugno 2015

lunedì 15 giugno 2015

Si aspetta

Prime risposte: parziali, ma meglio che niente.
La palla di lardo per ora rimane dov'è e sarà tenuta sotto controllo, con un'altra ecografia tra un paio di mesi più eventuale TAC.
Per l'ispessimento dello stomaco, l'oncologo dovrebbe prenotarmi una gastroscopia, spero che domani mi possa comunicare data e ora dell'appuntamento.
Tanto per non cambiare, si aspetta.


martedì 9 giugno 2015

Palla di lardo!

Sono riuscita ad avere il referto della TAC stamattina.
Non è stato facile,  fino a ieri sembrava addirittura impossibile. Vi risparmio tutto l'iter, sappiate solo che comprendeva anche frasi come: "Le abbiamo fatto fare l'esame in tempi brevi,  rispettando la priorità. Per il referto deve attendere i tempi tecnici".
Comunque.
La nuova massa è effettivamente di composizione adiposa, come previsto dal'ecografista: una palla di lardo.
Bene.
Fegato e polmoni sono puliti.
Benissimo.
C'è un ispessimento sospetto della parete dello stomaco.
Ah.
E ci sono i capogiri, lievi ma persistenti,  che non risultano dalla TAC ma iniziano a diventare un problema.

L'oncologo oggi pomeriggio dovrebbe aver portato il caso alla riunione di equipe e nei prossimi giorni lo esaminerà anche con i radiologi, poi mi farà sapere come propongono di procedere.
Io scommetto che questa volta vinco anche una gastroscopia.


venerdì 29 maggio 2015

Ci siamo! Però...

L'appuntamento per l'ecografia è stato fissato per giovedì 4 giugno.

Ci sono volute circa 28 ore per stabilirlo, ma la data è ragionevole e compatibile con la richiesta.
(chiarisco per chi non ha interpretato correttamente il post precedente: il problema non è mai stato l'ottenimento della prestazione, su cui non avevo dubbi, ma la procedura lunga e farraginosa necessaria per arrivare a questo risultato)

Bene.

Solo che...
Ricordate che avevo detto di dover fare la premedicazione perché in passato ho avuto reazioni spiacevoli al mezzo di contrasto? E che avevo già tutti i farmaci necessari per il protocollo?
Così credevo...
Avevo tutti i farmaci necessari per il protocollo stabilito al CRO o nelle altre strutture. Ma qui richiedono un protocollo diverso: due farmaci su tre sono diversi, le dosi sono diverse, i tempi sono diversi.
Devo andare in farmacia a fare spesa.
E riempirmi di cortisone e antistaminico, più il gastroprotettore per limitare i danni allo stomaco, non per due giorni, ma per sei.
Quanta pazienza...

giovedì 28 maggio 2015

Odissea

Quando faccio la TAC? Vorrei saperlo anch'io.

Al CRO sono così sovraccarichi di pazienti che l'oncologo non è riuscito a trovarmi una data ragionevolmente vicina; ha detto che continuerà a provarci, ma nel frattempo è meglio che mi attivi anch'io con altre strutture.
In dieci anni ho fatto un discreto numero di TAC, so che mi serve l'impegnativa del medico (ce l'ho! con priorità B, che in Veneto significa "entro 10 giorni"), il modulo di consenso all'uso del mezzo di contrasto con l'indicazione che sono allergica e faccio la premedicazione a base di cortisone, antiallergico e antistaminico (ce l'ho! e ho anche tutti i farmaci necessari) e analisi del sangue recenti (ce le ho!).

Pur sapendo che le priorità non sono riconosciute fuori regione né sono vincolanti per le strutture convenzionate, ho provato prima nella clinica friulana in cui ho fatto l'ecografia, perché in altre occasioni i tempi di attesa erano stati davvero contenuti, però questa volta la prima data utile era il 19 giugno: troppo in là.
Ho tentato in un'altra struttura convenzionata a pochi km da casa mia, ma eseguono le TAC solo di martedì e, per colmo di sfortuna, il prossimo martedì è festa e il successivo sono già pieni, non riescono a inserirmi prima del 16 giugno. Tardi anche lì.

Mi sono rassegnata. Ho fatto un respiro profondo e mi sono rivolta alla mia ULSS.
Se si fosse trattato di un altro tipo di prestazione, l'avrei fatto subito, prima di tentare altre strade, ma dopo le esperienze allucinanti con il reparto di radiologia nel periodo della malattia della mamma, l'avevo tenuta come ultima risorsa.
Anzi no, non è proprio così. Avevo fatto un primo tentativo ieri sera con la prenotazione on line dal sito dell'ULSS: niente da fare; dopo avere inserito il codice dell'impegnativa, compare il messaggio "prestazione non prenotabile on line". Evvabbè.

Stamattina telefono al CUP.
Tre o quattro tentativi per prendere la linea, poi finalmente l'operatrice... mi informa che la prestazione non è prenotabile nemmeno tramite CUP, ma bisogna rivolgersi direttamente alla segreteria della radiologia. 
Allora perché chiamarlo Centro Unico di Prenotazione? Chiamiamolo CQUP-ETCentro Quasi Unico di Prenotazione Esclusa TAC, per esempio.
Fastidio.

Chiamo la radiologia. 
La segreteria telefonica mi informa che le informazioni telefoniche vengono fornite solo dalle 12 alle 14. Dato che la radiologia pretende di sostituirsi al CUP, potrebbero almeno osservare gli stessi orari...
Irritazione.

Aspetto pazientemente che arrivi mezzogiorno, poi richiamo. Di nuovo la segreteria telefonica, ma dopo le prime parole qualcuno dall'altra parte forse si accorge che è iniziato l'orario di risposta e... interrompe la comunicazione.
Principio di incazzatura. 

Richiamo subito dopo.
Dopo parecchi squilli, finalmente mi risponde una voce femminile non registrata. Illustro la mia esigenza e la signora mi spiega cortesemente che non posso prendere appuntamento per telefono, ma devo andare di persona oppure inviare un fax. 
Ho la sfiga di abitare nell'unico posto in cui l'ospedale non accetta prenotazioni telefoniche per una TAC. 
Non solo: siamo nel 2015 e c'è ancora qualcuno che chiede di mandare un fax anziché una mail. Se sono così tecnologicamente avanzati, c'è il rischio che per guardare dentro il mio addome, invece di una TAC mi facciano l'autopsia.
Incazzatura crescente.

"Sta scherzando? Perché non posso prenotare per telefono come qualsiasi altra prestazione?"
"Deve venire di persona con l'impegnativa del medico, il referto dell'ecografia e il modulo di consenso per l'uso del mezzo di contrasto. Oppure può mandarli via fax. Il primario li valuterà e la richiameremo noi per indicarle data e ora dell'appuntamento."
Quindi il primario vuole valutare tutte le richieste, di persona pirsonalmente (cit.), e vuole anche il referto dell'ecografia, probabilmente per determinare l'effettiva necessità e urgenza dell'esame. Se fossi il medico di base che ha emesso la richiesta, mi offenderei parecchio nel vedere così svilita la mia professionalità. E anche se fossi uno degli altri medici della radiologia.
Incazzatura forte.

La Direzione dell'azienda presso cui mi trovavo oggi a lavorare mi ha gentilmente permesso di utilizzare il loro fax per inviare tutta la pappardella di documenti richiesti, cosa che ho fatto verso le 12:30. Sono le 22:41 e non ho ancora ricevuto risposta.
Tutte le altre strutture che avevo contattato mi hanno formulato la loro proposta di appuntamento immediatamente, ma in quel reparto evidentemente le cose non sono cambiate rispetto al 2010. Anzi, non sono cambiate rispetto a qualche secolo fa, quando "il dottore" era considerato appena mezzo gradino sotto Dio e i pazienti dovevano riconoscere devotamente la sua autorità, accettando umilmente di essere trattati come esseri inferiori, il cui tempo non valeva nulla, in confronto a quello del grande luminare.
Furia.